Scary G. B. 2

MATTINA, ORE 7:30

Gian Burrasca è sotto la doccia. Dopo averlo lavato, mi rendo conto di aver lasciato il suo asciugamani in camera. Lo recupero rapidamente, quindi torno in bagno per asciugarlo. Lui è ancora sotto lo scroscio dell’acqua calda.

Gian Burrasca (rigirandosi in modo che l’acqua lo bagni completamente): …
io (tendendogli la mano): tesoro… è ora di uscire.
Gian Burrasca (lanciandomi un’occhiata distratta): non posso…
io (incuriosita): e perché?
Gian Burrasca (con aria grave): …perché devo sciogliere il mio scheletro!
io (piuttosto raccapricciata): ehm… e perché scusa?
Gian Burrasca (serissimo): …così divento un fantasma!
io (rabbrividendo): amore… perché vuoi diventare un fantasma?
Gian Burrasca (guardandomi di sottecchi): …per fare gli scherzi a tutti quanti!
io: !!!

Scary G. B.

MATTINA, ORE 13:00

È ora di pranzo: dopo aver mangiato un bel piattone di pasta al pomodoro, Gian Burrasca si appresta ad assaporare delle grosse fragole.

Gian Burrasca (guardando i frutti con voluttà): …

io (mangiando uno yogurt): …
Gian Burrasca (rigirandosi tra le dita una delle fragole): …
io (rendendomi conto che lo yogurt è scaduto da 15 giorni): :s

Gian Burrasca (addentando con gusto quella delizia rossa): …
io (grattando col cucchiaino il fondo del vasetto… tanto, ormai…): …
Gian Burrasca (osservando con interesse il succo della fragola che cola copioso sulle sue mani): !
io (andando a recuperare un tovagliolo per evitare che il nettare passi dalla mano alla maglietta): …

Gian Burrasca (sorridendomi con aria soddisfatta): …mamma?

io: sì tesoro?

Gian Burrasca (indicando il liquido): questo è il sangue della fragola!
io (guardandolo piuttosto inorridita): ehm… non è sangue amore… è solo succo!

Gian Burrasca (tornando a studiare il fluido scarlatto): …
io (cercando di asciugare il tavolo): …
Gian Burrasca (rimettendosi il piccolo frutto in bocca): …mamma?
io: sì tesoro?

Gian Burrasca (passando lo sguardo da me alla fragola): io succhio il sangue della fragola!
io: !!!

Estrema stanchezza

POMERIGGIO, ORE 18:30

Oggi è il giorno delle pulizie settimanali. Gian Burrasca aiuta me e Lui a spolverare, passare l’aspirapolvere, spostare mobili e tappeti, lavare i pavimenti, spazzare il balcone. Alla fine guardiamo soddisfatti il frutto del nostro duro lavoro.

Gian Burrasca (afflosciandosi esausto sul divano): …mmmh…
Lui: ?
io: ?
Gian Burrasca (guardandoci intensamente): …adesso sono proprio… sfiutato!!!
Lui: !!!
io: …

N.B.: sfiutato = sfinito

Beauty farm

POMERIGGIO, ORE 15:30

È una splendida giornata di giugno. Io e Lui decidiamo di fare una passeggiata e portare Gian Burrasca al parco giochi a scatenarsi un po’. Entusiasta per l’idea, il pargolo mi segue docilmente in bagno per farsi lavare.

Gian Burrasca (infilandosi felice sotto la doccia): …
io (iniziando a sciacquarlo): …
Gian Burrasca (allungando le manine nella speranza che io gli dia lo shampoo): …faccio da solo!
io (versandoglielo sulla testa): …fa la mamma!

Gian Burrasca (frizionandosi vigorosamente i capelli): …
io (aiutandolo pazientemente): …
Gian Burrasca (guardando con timore la boccetta del balsamo): …
io (spalmandoglielo sulla testa e iniziando a pettinarlo): …

Gian Burrasca (brontolando): …AHUA!!!
io (passando al docciaschiuma): …
Gian Burrasca (cercando di impossessarsi della spugna): …faccio da solo!
io (insaponandolo): …fa la mamma!
Gian Burrasca (arrendendosi all’inevitabilità del mio aiuto): …
io (chiudendo finalmente la doccia e invitandolo a uscire): vieni cucciolo… abbiamo finito.

Gian Burrasca (fermandosi sul tappetino): …
io (prendendo ad asciugargli corpo e capelli): …
Gian Burrasca (strofinandosi energicamente da capo a piedi): …faccio da solo!

io (sospirando rassegnata): …fa la mamma!

Gian Burrasca (guardandomi mentre prendo il phon): …
faccio da solo?
io (passandogli l’aria calda sui capelli): …
fa la mamma!
Gian Burrasca (osservandomi mentre recupero il flacone della crema per il corpo): …faccio da solo!
io (iniziando a spalmargliela): …fa la mamma!
Gian Burrasca (aspettando che io abbia finito): …

io (prendendolo per mano e conducendolo verso la sua stanza per vestirlo): vieni tesoro… andiamo a vestirci.

Gian Burrasca (fermandosi davanti allo specchio del corridoio per rimirarsi): …
io: ?

Gian Burrasca (sorridendomi soddisfatto): mamma?
io: sì tesoro?

Gian Burrasca (trotterellando felice in camera): grazie del lavoro che hai fatto!

io: !!!

Fantasilandia

MATTINA, ORE 7:30

Avendo tirato fuori dal letto Gian Burrasca madido di sudore, decido di fargli la doccia. Dopo avergli fatto lo shampoo, inizio a insaponarlo per bene e, come sempre, lui si riempie le manine di schiuma per divertirsi a lasciare le impronte sulla parete della doccia.

Gian Burrasca (continuando a stampare manate bianche sul muro scuro): …

io (proseguendo nell’abluzione del piccolo): …
Gian Burrasca (osservando soddisfatto la sua opera): …
io (riaprendo l’acqua per sciacquarlo): …
Gian Burrasca (gridando atterrito): NOOO!!!
io: ?
Gian Burrasca (parandosi davanti alle chiazze di schiuma per difenderle): NON LAVARLI!!!

io: ???
Gian Burrasca (guardando amorevolmente i gruppi di bollicine): …quelli sono i miei amici mostri…
io: !
Gian Burrasca (gesticolando entusiasta): …che lottano tra di loro…
io: …
Gian Burrasca (indicando una piccola massa bianca): …e c’è anche un fantasma…
io: ?
Gian Burrasca (agitando un ditino minaccioso nella sua direzione): …ma il fantasma è dispettoso…
io: …
Gian Burrasca (mimando di avere qualcosa tra le mani): …e lancia i mattoni contro i draghi…
io: …
Gian Burrasca (simulando un gesto di arti marziali): …ma i draghi li rompono…
io: …
Gian Burrasca (soffiando con forza verso di me): …e poi sputano il fuoco…
io: …
Gian Burrasca (sorridendo sornione verso la schiuma): …e i mattoni si sciolgono…

io: ?

Gian Burrasca (concludendo soddisfatto): …perché sono di cioccolato!!!
io: !!!

Garçon!

MATTINA, ORE 8:00

Come ogni weekend, Gian Burrasca si è svegliato a un orario decisamente poco urbano e si è fiondato nella nostra stanza per sostituirsi alla sveglia feriale. Con la piccola peste a saltellargli direttamente sullo stomaco, Lui ha pertanto deciso di alzarsi e uscire a comperare delle brioches. Al suo ritorno, la tavola è già imbandita per la colazione.

Gian Burrasca (seduto al suo posto): …
io (tirando fuori il latte dal frigorifero): …
Gian Burrasca (allungandosi sulla sedia per sbirciare verso la cucina): …

io (versando il liquido nella tazza): …
Gian Burrasca (iniziando a tamburellare con le dita): …

io (mettendo il contenitore nel microonde per riscaldarlo): …
Gian Burrasca (iniziando a palesare la sua impazienza con qualche sbuffo): …

io (prendendo un po’ di cacao per insaporire il latte): …
Gian Burrasca (gridando nella mia direzione): CAMERIEEEREEE!!!IO STO ASPETTANDO!!!
io: !!!

La bimba invisibile

POMERIGGIO, ORE 18:00

Io e Gian Burrasca siamo al supermercato. Arrivati alle casse, lui si incanta davanti allo stand delle caramelle e rimane indietro, superato da una mamma con una bimbetta di poco più di un anno. Arriva il momento di imbustare gli acquisti, e tornare a casa. Richiamo il pargolo all’ordine e lui si precipita verso di me spintonando leggermente la bimba per poter passare.

Gian Burrasca (arrivando di corsa al mio fianco): …
io (guardandolo in tralice): …ma ti pare? Adesso vai dalla bimba e le chiedi scusa!
Gian Burrasca (fissando torvo il passeggino dietro il quale è nascosta la piccola): …
io (piantando le mani sui fianchi con aria minacciosa): …allora?
Gian Burrasca (lanciandomi un’occhiata supplichevole): …ma mamma…

io (riprendendo a riempire i sacchetti): … “ma mamma” cosa?

Gian Burrasca (esaminando di nuovo il passeggino): …non posso chiederle scusa!

io: …e perché mai?!?

Gian Burrasca (senza distogliere lo sguardo dalla bimba che sbuca appena da dietro il suo mezzo): …è troppo piccola…

io: ?

Gian Burrasca (allungando il braccino per sottolineare l’ineccepibilità del suo ragionamento): …neppure la vedo!!!

io: !!!