Buio

SERA, ORE 21:00

Acciambellata sul divano, sono intenta a dare il latte a Gian Burrasca.
Lui entra in soggiorno, spegne tutte le luci nel tentativo di conciliare il sonno del pargolo, poi si siede sulla poltrona di fronte a noi.

Gian Burrasca (bevendo dal biberon): squich squich squich (tipico rumore da biberon)
io: …
Lui: …
Gian Burrasca (guardandosi intorno): squich squich
io: …
Lui: …
Gian Burrasca (puntandomi gli occhi addosso): squich
io: ?
Lui: ?
Gian Burrasca (sputando il biberon): io no vedo più un tubo!!!
io: !!!
Lui: …

Un commento su “Buio”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.