Abito da sposa cercasi 4

GIORNO 4, ORE 18:00

Dopo un lungo pomeriggio trascorso ai giochi con Gian Burrasca, sono sulla via di casa. Lungo la strada passo davanti all’unico negozio di abiti da sposa presente in città.
Guardo l’orologio: ho ancora un’oretta a disposizione. Guardo Gian Burrasca: dopo tutto il movimento fatto durante la giornata è stanchissimo, quindi tranquillo e arrendevole. Decido di entrare.
Lascio il passeggino nell’ingresso e inizio a inerpicarmi su per 3 piani di scale a chiocciola costellati di vestiti di ogni genere e un numero incredibile di… orsacchiotti di pezza (???). Gian Burrasca mi segue e, per fortuna, è più interessato a studiare quello strano posto con buffi abiti attaccati alle pareti che ad allungarsi verso i pupazzi. Giungo finalmente in una piccola stanza che ha più l’aspetto di una grande cabina armadio che di un atelier. All’interno vi sono due signore che stanno chiacchierando.

io: buonasera!
signora 1: buonasera.
signora 2: buonasera.
io: ehm… mi sposo in settembre e sto cercando un abito da sposa. Ma non del tipo classico… Pensavo piuttosto a qualcosa che potesse essere riutilizzato… magari corto…
signora 1: sì… beh… abbiamo sicuramente qualcosa che fa al caso suo. Ha detto che si sposa in settembre, quindi c’è tempo. Le lascio il biglietto da visita, così mi telefona all’inizio di luglio e prende un appuntamento. Tanto in questo periodo non abbiamo spose…
signora 2: …
io (guardandomi intorno): ma… non potrebbe farmi vedere qualcosa intanto?
signora 1: no. Deve prendere un appuntamento.
signora 2: …
io (osservando il biglietto da visita): va bene… e non potrei prenderlo direttamente adesso?
signora 1: no. Mi deve chiamare.
signora 2: …
io: … Va bene…
signora 1: e… dove si sposa?
signora 2: …
io: proprio qui vicino, nella Cappella di Santa Caterina…
signora 1: AAAAAH!!! Allora la sposa don Mario!!!
signora 2: …
io: sì! Esatto!
signora 1: eh… beh… dovevo immaginarlo…
signora 2: …
io: ?
signora 1 (ammiccando verso Gian Burrasca che è intento ad analizzare il meccanismo di chiusura della porta a vetri): lui è abituato ai matrimoni… “strani”!!!
signora 2: …
io: !!!
signora 1: …
signora 2: …
io: …
signora 1: beh… allora mi chiami per fissare una prova. E si ricordi, mi raccomando, di portare il reggiseno che indosserà il giorno del matrimonio! Arrivederla.
signora 2: arrivederla.
io: arrivederla…

Esco tenendo Gian Burrasca per mano.
-14!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.